Come ha fatto l’Italia a costruire un ponte di Genova sostitutivo così rapidamente?

Il ponte sostitutivo del ponte Morandi di Genova - che è crollato nel 2018 uccidendo 43 persone - è stato costruito in meno di due anni, un record in Italia dove una struttura del genere richiede solitamente circa un decennio per essere costruita.

Il nuovo ponte di San Giorgio da 202 milioni di euro è stato costruito in soli 15 mesi con "i costi e il modo giusto", ha detto Marco Bucci, il sindaco di Genova e il commissario per la ricostruzione.

Si tratta di un risultato notevole, visto che la maggior parte dei lavori di costruzione in Italia che superano i 100 milioni di euro richiedono di solito circa 14 anni per essere completati - 10 nel più roseo degli scenari. La maggior parte di questo tempo - da sette a otto anni - viene spesa per selezionare l'impresa di costruzioni, mentre gli altri due anni sono spesi per la costruzione vera e propria.

Maurizio Milan, che collabora dal 1983 con Renzo Piano - il noto architetto che ha progettato il nuovo ponte di San Georgio - ha confermato a Euronews che gli ultimi "15 mesi sono stati ben spesi".

Ha detto che il tempo record ha mostrato una vera e propria "volontà e determinazione".

Il costo sulla qualità
Secondo Milano - che ha lavorato in tutto il mondo con altri architetti di fama internazionale - altri luoghi in Europa, rispetto all'Italia hanno "una fase di progettazione più precisa e puntuale, che definisce bene le componenti costruttive" seguita da "una fase rigorosa durante la quale gli impegni di spesa sono seriamente stimati".

"Molti lavori in Italia non vengono completati perché sottovalutiamo i reali impegni di spesa", ha sottolineato.

Ad esempio, ha proseguito l'ingegnere, i bandi pubblici dei comuni per la costruzione di scuole richiedono che il costo non superi gli 800-900 euro al metro quadro, "quando non si può fare bene per meno di 2.500 euro".

Questo porta a "situazioni paradossali con cantieri abbandonati e imprese che falliscono", ha deplorato Miland.

Per lui, il problema sta nel fatto che l'impresa è ora guidata da "general contractor".

"Guardano ai margini operativi, ai costi e ai ricavi, applicando il metodo finanziario. Alcuni di loro hanno un solo tecnico, ma forse 10 persone che lavorano nell'ufficio legale, nell'amministrazione o nella comunicazione.

La nostra sicurezza non può essere nelle mani dei general contractor". Dobbiamo fare un passo indietro e rivalutare il grande patrimonio professionale che abbiamo: siamo un Paese di costruttori, muratori e falegnami", ha proseguito.

Un sistema ingombrante e dispersivo".
Nonostante le procedure standardizzate a livello europeo, ci vuole più tempo per far decollare un progetto in Italia perché il sistema di ricorso per gli appalti pubblici è più lungo, ha detto Milano.

Il progetto per una "Città della Salute" a Sesto San Giovanni, comune della città metropolitana di Milano, "è iniziato nel 2013 ma, a causa dei ricorsi, i lavori potrebbero iniziare solo ora", ha aggiunto.

"Sette anni sono troppi, il nostro sistema è ingombrante e dispersivo", ha proseguito, segnalando che la commissione giudicatrice di un progetto presentato dal suo studio un anno fa non si è ancora riunita.

Una nota positiva, però, è che una volta che il progetto è stato approvato e l'impresa di costruzioni è stata selezionata, il lavoro procede velocemente.

Il ponte di San Giorgio ha 18 piloni di sostegno, che di solito richiedono due mesi ciascuno per essere costruiti, ma per velocizzare le cose, i lavori sono stati eseguiti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, da circa 1.000 operai.

A titolo di confronto, il viadotto autostradale di Millay in Francia - che con un chilometro e mezzo è il doppio della lunghezza del nuovo ponte di Genova - è stato costruito in tre anni dopo una gara d'appalto di tre anni.

A Tbilisi, in Georgia, il Ponte della Pace, è stato terminato in 10 mesi, quando ne erano previsti 12.

"Non siamo certo i peggiori al mondo, da questo punto di vista". Anche in Germania, il re della ricostruzione dopo il crollo del Muro, ci sono situazioni simili alle nostre". Pensiamo al nuovo aeroporto di Berlino, che doveva essere terminato nel 2012 e non è ancora aperto", ha detto Milano a Euronews.

Impossibile applicare questi tempi a tutte le opere".
Settimo Martinello, direttore di 4Emme, che gestisce il portale We Bridge - Ispezioniponti.it, specializzato nel monitoraggio di 50.000 ponti in tutta Italia, ha detto a Euronews che "quando si dà potere a qualcuno, le cose si fanno più velocemente".

"Forse il lavoro costerà il 20-30 per cento in più - se si fanno le cose come si deve - ma ci vorrà meno tempo". Invece, possono volerci regolarmente dai cinque ai dieci anni". Il lavoro presumibilmente costa meno, ma quando ci vuole così tanto tempo, ha un costo enorme per la società", ha aggiunto.

Ridurre la burocrazia, tuttavia, non è necessariamente l'opzione giusta.

"Burocrazia significa controllare che le aziende che partecipano non siano infiltrate dalla mafia, che il personale sia pagato, che tutti gli obblighi di sicurezza siano rispettati … Eliminarla significherebbe eliminare la sicurezza", ha sostenuto Martinello.

La rapida svolta per il nuovo ponte genovese è in parte attribuita al fatto che le aziende che hanno perso il contratto non hanno fatto ricorso, ha sottolineato Milano, definendolo "uno slancio etico di grande levatura".