L’Italia dice che la Cina è un partner strategico chiave, nonostante le preoccupazioni degli Stati Uniti

L'Italia e la Cina hanno bisogno di stringere legami più stretti, ha detto martedì il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio, mettendo potenzialmente Roma in contrasto con Washington, che ha messo in allarme le ambizioni economiche di Pechino.

Di Maio ha parlato dopo i colloqui con il consigliere di Stato del governo cinese Wang Yi, che sta iniziando una visita in Europa che includerà anche Paesi Bassi, Norvegia, Francia e Germania.

L'Italia è diventata la prima grande economia occidentale ad aderire al progetto di infrastrutture internazionali della Cina, la Belt and Road Initiative, quando nel 2019 ha firmato una serie di accordi. Tuttavia, la mossa ha dato finora pochi frutti per l'Italia.

"È stato un incontro molto fruttuoso", ha detto Di Maio, aggiungendo di aver discusso con Wang su come "rilanciare la (nostra) partnership strategica dal punto di vista economico e industriale".

Wang ha detto ai giornalisti che è importante per la Cina e l'Unione Europea rafforzare le relazioni e approfondire la cooperazione per affrontare il coronavirus.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump rimprovera a Pechino la diffusione della malattia, emersa in Cina l'anno scorso. Vuole anche limitare lo sviluppo globale del gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei Technologies Co [HWT.UL], accusandolo di agire come un cavallo di Troia per le cyberspie cinesi.

L'Italia non si è unita agli Stati Uniti nell'imporre restrizioni a Huawei e Di Maio non ha fatto alcun riferimento all'azienda nelle sue osservazioni. In un apparente riferimento alle tensioni con Washington, Wang ha detto che la Cina non voleva vedere una guerra fredda.