Il numero di migranti che sbarcano in Italia è più che raddoppiato nell’ultimo anno

Il numero di migranti che approdano sulle coste italiane è più che raddoppiato nell'ultimo anno, perché la crisi economica in Tunisia alimenta la migrazione in barca attraverso il Mediterraneo, ha detto sabato il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese.

Più di 21.000 persone hanno raggiunto l'Italia tra agosto 2019 e la fine di luglio, con un incremento del 148% rispetto all'anno precedente, ha detto il ministro, intervenendo in una conferenza stampa annuale del 15 agosto.

Secondo Lamorgese, la maggior parte degli arrivi sono stati "sbarchi autonomi, difficili da gestire... con piccole imbarcazioni e gommoni", piuttosto che quelli salvati in mare e portati a terra. Molti di loro sbarcano sull'isola di Lampedusa, nel sud del Mediterraneo.

Nel periodo di 12 mesi, secondo i dati del ministero, sono state salvate poco più di 5.000 persone, principalmente da navi gestite da ONG.

Oltre l'80% dei migranti che raggiungono l'Italia sono partiti dalla Tunisia e dalla Libia, secondo i dati, e la crisi tunisina ha alimentato i tentativi di traversata infida.

"I numeri non sono molto alti - sono certamente più alti di quelli dell'anno scorso, ma dobbiamo contestualizzarli: La Tunisia è in una profonda crisi economica, sociale e politica", ha detto Lamorgese ai giornalisti.